La povertà mestruale in Uganda
17
Mar
2021

Quando il ciclo mestruale è un problema

 

La povertà mestruale, tradotto dall'inglese period poverty, è la difficoltà a gestire il proprio ciclo mestruale a causa della povertà, colpisce donne e ragazze in tutto il mondo. La disponibilità di prodotti igienici, spazi sicuri in cui utilizzarli e la sicurezza nel gestire le proprie mestruazioni senza vergogna o imbarazzo, dovrebbe essere un diritto garantito a tutte le donne del mondo.

 

Purtroppo non è così. La difficoltà nella gestione del ciclo mensile non è solo un potenziale rischio per la salute, ma anche per istruzione, il benessere e talvolta la vita di donne e ragazze.

 

Il ciclo mestruale e la scuola

 

In Uganda il ciclo mestruale è un tabù per molte ragazze. Senza informazioni non sanno come affrontarlo e gli assorbenti igienici sono troppo costosi. Spesso usano straccicotone, giornali o persino foglie. Preoccupate e imbarazzate scelgono di restare chiuse in casa durante il ciclo mestruale. Perdono così diversi giorni di lezione ogni mese. Questo significa meno probabilità di essere promosse, di proseguire gli studi e di fatto sono esposte  a un rischio maggiore di matrimoni precoci e a rimanere incinte in giovane età. 

 

Il Ministero dell'Istruzione dell'Uganda ha riferito che, a partire dal 2019, quasi una ragazza ugandese su quattro di età compresa tra i 12 e i 18 anni abbandonerà la scuola una volta che inizieranno le mestruazioni. Per coloro che frequentano la scuola, i tassi di assenza delle ragazze triplicano dal 7% al 28% durante il loro ciclo mestruale.

 

Il ciclo mestruale non deve essere un lusso

 

Per la maggior parte delle donne il ciclo mestruale è qualcosa di naturale  e scontato con cui convivere. Nonostante ciò, le statistiche mostrano che milioni di donne soffrono a causa dalla povertà mestruale. Ecco perché l'igiene mestruale deve essere un diritto, non un privilegio.

In Uganda gli assorbenti monouso sono poco disponibili e molto costosi. Un pacchetto di assorbenti igienici può costare più della paga di un'intera giornata di lavoro . Poiché la maggior parte delle donne e delle ragazze ha bisogno di almeno due pacchetti per ciclo, questo significa spendere due giorni di paga ogni mese solo per gli assorbenti.

 

Il ciclo mestruale e l'impatto sull'ambiente

 

I prodotti sanitari convenzionali fanno male all'ambiente, questa è una certezza. Sono articoli usa e getta e contengono plastica e altri materiali non biodegradabili dannosi per l'ambiente. Questa produzione di plastica su larga scala rilascia grandi quantità di gas serra che causano inquinamento atmosferico e riscaldamento globale.

Inoltre, lo smaltimento improprio dei prodotti sanitari, come avvolgerli in sacchetti di plastica, riempie anche le discariche e impiega anni per biodegradarsi.

 

Cosa facciamo noi di Kope?

Lavoriamo con donne e ragazze, scuole e comunità per aiutare a porre fine alla povertà mestruale. Dalla distribuzione di kit igienici e alla formazione di volontarie per diffondere nozioni di igiene intima femminile, stiamo lavorando per assicurarci che ogni donna e ragazza possa gestire il suo ciclo con dignità. E i risultati sono evidenti.

Scopri il nostro lavoro per porre fine alla povertà mestruale e come puoi aiutarci a cambiare la vita di una ragazza, per sempre.

 

 

 

ASSORBENTI PER UN ANNO INTERO CON SOLI 10€  

Con soli 10 euro puoi donare a una ragazza ugandese una lezione di igiene femminile e un kit di assorbenti lavabili e riutilizzabili per 12 mesi. Semplici da usare, gli assorbenti, sono anche sanitari, ecologici, economici e, in definitiva, cambiano la vita a molti: dai lavoratori che li creano, alle ragazze che li usano.

Un kit contiene 1 assorbente super maxi, 2 assorbenti maxi, 2 assorbenti mini e due bustine per contenerli

 

  

 

NON HAI UNA CARTA DI CREDITO?

Se preferisci donare in posta o in banca clicca qui

 

 

 

 Una testimonianza, Juliet 15 anni

"Prima di ricevere gli assorbenti, la mia vita era difficile durante le mestruazioni perché non potevo frequentare la scuola e nemmeno fare le faccende domestiche senza preoccuparmi che il mio assorbente improvvisato cadesse o perdesse.

 

Poi Hope, Josephine e Brenda, le volontarie di KOPE, sono venute nella baraccopoli dove vivo e hanno donato gli assorbenti. Quel giorno mi ha cambiato la vita, mi hanno insegnato ad essere orgogliosa del mio ciclo e che le mestruazioni non erano qualcosa di cui vergognarsi ma qualcosa di cui andare fiera.

 

Il mio più grande sogno è quello di vedere che nei prossimi 10 anni tutte le ragazzine abbiano accesso agli assorbenti e che più maschi vengano coinvolti nell'educazione alla salute mestruale.

 

Abbiamo sofferto troppo a lungo per la mancanza di rispetto da parte dei compagni e degli insegnanti maschi che non capiscono le mestruazioni. Sia gli insegnanti di sesso maschile che quelli di sesso femminile dovrebbero essere formati sull'igiene mestruale in modo che possano aiutarci."

 

 
 

Responsabile

Carmen Chinaglia

Sono presidente di Kope. Il mio desiderio è quello di sentirmi utile agli altri. Grazie alle attività della nostra associazione, ho visto molte persone migliorare la propria vita attraverso un semplice gesto di solidarietà.
Sono convinta che non servano grosse somme di denaro per aiutare chi ha bisogno, serve la consapevolezza della fraternità umana. Ognuno di noi può fare qualcosa.

 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie.